© 2011 3C Arquitetura e Urbanismo. Tutti i diritti riservati.

036RIF _

RIVITALIZZAZIONE DEL VECCHIO REFETTORIO PTI / ITAIPU

Proposta di intervento nell'ex refettorio di Itaipu
Fondazione parco tecnologico di Itaipu
Foz do Iguaçu, PR
Progetto- 2011-2012
Esecuzione – 2012
Totale zona di intervento-Old Assembly da pranzo sala di Itaipu = 6.400 sq ft
La nuova caffetteria ristorante PTI / Itaipu = 2.370 mq.

PROPOSTA

Basato sul quadro teorico a cui fa riferimento nel master plan del PTI Itaipu/2008 stabilisce i principi di sostenibilità nel concetto etico di utilizzo e riutilizzo delle caratteristiche naturali e artificiali già installato, il progetto di restauro, attraverso gli interventi manuali, adotta la nozione che conservano, ripristinare e conservare il refettorio dell'ex campo di opere dall'impianto è di Itaipu, senza dubbio, un'opzione per "impatto meno l'ambiente", Oltre consentendo di "tempo di raccolta" più un modo per evolvere in questa diversità di opzioni, come una legittima eredità dei più diversi modi di coltivare il nostro habitat.

Come intervento strategia propone di adottare le procedure che potrebbero contemplare i principi dinamici di leggibilità e reversibilità dello stesso, IE, Essi sono adatti per l'uso del vostro tempo, differenziata nelle loro istanze storiche e allo stesso tempo, comprendono l'unità estetica originale, così che essi possono essere soppressi in altri interventi senza perdersi pezzi originali conservati, IE, senza creare cicatrici o lacune, su supporti irreproduzíveis mentre gli originali conservati.

Per quanto riguarda la modalità consigliata, Manuale degli interventi di, tecniche di intervento in caso di ammortamento di nuove parti in tutto essere conservato, gli interventi si possono effettuare al fine di salvare quando possibile gli elementi della costituzione fisica in termini di funzionalità e originalità. Più di questo, proporre un dialogo di rispetto per le tecnologie tradizionali e di presentare, alta qualità anche per essere implementato ci.

È suggerito che i nuovi materiali utilizzati sono di buona qualità, reversibile e può essere quindi facilmente riconoscibili come nuova distanza visiva.

L'elemento che dovrebbe essere l'oggetto di un'evidenziazione di progettazione è la massima conservazione del carattere pavilhonar della composizione volumetrica e gli ambienti, sua scala mentre monumentale struttura spaziale e la percezione della continuità e accessibilità di visual aumentato interno elementi antichi di routing e supporto dell'infrastruttura e restanti scambio di aria di scarico, così come, la proposta di museografia dell'ambiente storage, preparazione, distribuzione di cucina e cibo, considerata l'attività chiave e lo spazio del progetto originale.

Il lavoro da eseguire è costituito da un recupero di costruzione integrale di un insieme di edifici, con 6.400 m ² di zona costruita, per scopi di alimentazione, cultura e tempo libero denominato caffetteria PTI/ITAIPU, che al momento della costruzione dell'idroelettrica di Itaipu ospitava il refettorio (sale da pranzo, cucina, celle frigorifere, ecc.) impiegati e operai di manutenzione (diga-costruzione personale) il lavoro della centrale elettrica. Con i nuovi impieghi proposti, il volume degli antichi saloni "C" e "D" riceverà il ristorante refettorio.

Questo edificio, ora chiamato la caffetteria ristorante avrà una superficie totale di 2.370 sq ft e sarà composta al piano terra destinato principalmente alla zona di tavoli e cucina industriale, ma anche le tolette, spogliatoi, amministrazione e celle frigorifere.

Il ristorante sala da pranzo ha un'area totale di 1.370 m ² ed è definito da due aree di tabelle separate (un vip e altre "comuni"), entrambi inclusi con buffet, Isola alla griglia, casella, ritorno di vassoi e area esterna di tabelle. La principale area di tavoli e buffet hanno illuminazione zenitale, di sotto della quale il piede destro avrà 7, alta 30 m e in altre zone del ristorante piede destro sarà alto 4 piedi.

La cucina avrà il suo piede destro 3, 90 m e una superficie totale di 650 mq in cui sono incluse zone cottura, preparazione, Camera fredda, lavaggio, ricevimento di prodotti, archiviazione, tra gli altri.

In altri coniugati agli spazi principali, comporre una superficie totale di 350 m ², sono i bagni maschili, femminile e PNE e anche la sala macchine (SEQ).

L'edificio, oltre a nuovi interventi richiede particolare attenzione alle questioni riguardanti il patrimonio e le esigenze di igiene e disinfezione tecniche che riguardano le cucine e sale da pranzo e/o industriale comunitaria.Inserimento foto nel PTI.Mensa B. 1979Mensa B. 1979.Antes do começo do restauro.Prima di restauro.Floorplan.Facciata ovest.Facciata sud.Tagli.036RIF _Vista interna del ristorante.Vista sud.Vista nord.Vista interna dell'intervento.Vista interna dell'intervento.Panoramica del nuovo intervento.Panoramica di notte.

VEDERE NOTEBOOK:



TEAM DI PROGETTO

Autori:

Arq. Leonardo Damiani Poletti
Arq. Paula de Moraes Lopes
Arq. Tiago Holzmann da Silva

Collaboratori:

Acad. Arq. Aline Taís Comiran
Acad. Arq. Edgar Belmeni Steffens
Acad. Arq. Lucas Gonçalves Valli
Acad. Arq. Thiago Hennemann
Arq. Cristiano Moura Loureiro
Arq. Sandra Maria Favaro Barellla
-Historic Heritage consulting
Arq. Simone Tavares -consulenza in cucina industriale