© 2011 3C Arquitetura e Urbanismo. Tutti i diritti riservati.

033_ R16

PORTO RIO CONCORSO OLIMPICO 2016

Proposta di progetto Tendering
Comunale governo di Rio de Janeiro – IAB/RJ
Rio de Janeiro, RJ
Proposta – 2011
Proposta di zona costruita: 407.100,00m ²
Totale zona di intervento urbano: 446.873,36m ²

OBIETTIVI
Recuperare la diversità del territorio: dove la società può vivere armoniosamente e si esprimono attraverso differenti impostazioni, gare, etnie, classi sociali, culture, stili di vita, valori, organizzazioni, credenze e rappresentazioni
Consolidare uno spazio ibrido: dove le diverse attività e gli usi si verificano senza soluzione di continuità: aree di lavoro, commercio, Tempo libero e condividere la stessa dimora, con rispetto per l'ambiente in modo sostenibile e accessibilità.
Ambienti di interfaccia dello zoom: dove la Comunità supera l'individuo, e gli spazi pubblici hanno la massima importanza, generando nuove pubbliche relazioni X privato e un nuovo senso di urbanità.

PROPOSTA
La zona di Av. Francisco Bicalho e suoi immediati dintorni, Esso si trova in una posizione strategica nel territorio di Rio de Janeiro. Considerando il progetto giochi olimpici di Rio 2016, può essere considerato come la più importante rete olimpica nodo.
La proposta è presentata su due reti – la città di Rio de Janeiro, inteso come rete globale, e il progetto delle Olimpiadi, la rete olimpica, inteso come rete locale, sovrapposto, giustapposti, che interagiscono e convivono armoniosamente creando una nuova centralità. Questo nodo, si presenta come un modello, un nuovo modello di città, una città nella città. Recupera la memoria e la storia, Tornando a un'area di popolazione è stato degradato e sotto-utilizzate.

Costruito sui principi della sostenibilità e l'accessibilità universale contemporanea, la parte del progetto del principio del collettivo, dove la cosa più importante è l'utente. L'architettura al servizio del benessere della popolazione e il collettivo.
Recupera la diversità della città, consolidare se stessa come spazio ibrido, dove i diversi usi e attività convivono insieme, e dove le persone possono vivere, lavoro e godere di spazi pubblici di qualità in uno stesso spazio.

Questi spazi pubblici, o anche privato pubblico, risultato delle architetture che promuovono la coesistenza e l'integrazione, configurare come spazi di interfaccia, riguardanti il progetto con la città pre-esistente, Oltre a usi pubblici e privati, attività residenziali e, spot, Tempo libero e servizi.

Distribuzione.Distribuzione generale.Veduta aerea generale.Spazio abitabile.Terrazza.Hotel vista.

MOSTRA LE TAVOLE:

SQUADRA

ARQ. Paula Lopes de Moraes
ARQ. Alexandre Pereira Santos
ARQ. Holzmann Tiago da Silva
ARQ. Leonardo Marques Revi
ARQ. Leonardo Damiani Poletti
ARQ. Lucas Gonçalves Valli
ARQ. Fernanda Zucolotto
ARQ. Paula Motta

Collaboratori:
Sociologo Eliete Gomes, ARQ. Julio Celso Vargas, Acad. ARQ. Angelica Magrini Rigo, Acad. ARQ. Daniela de Tale, Acad. ARQ. Aline Comiran Alessio, Acad. ARQ. Gian Nicola Ricci, Acad. ARQ. Rachel Z.